Il dottor Ray Sahelian descrive diversi modi in cui DHEA potrebbe prevenire e combattere il cancro.  In uno studio, nove uomini sani hanno preso 50 mg di DHEA per 20 settimane. Gli scienziati hanno trovato che il DHEA ha aumentato l’attività dei linfociti natural killer, cellule in grado di trovare e distruggere non solo i virus , ma anche cellule anomale che potrebbero risultare cancerogene. Sebbene il numero di linfociti T non è stata influenzata, la funzione delle cellule T è aumentata.  In questo modo il DHEA ha aumentato la qualità della naturale difesa del corpo contro il cancro, non necessariamente la quantità di cellule che fanno i combattimenti.

Un altro studio è stato condotto su topi e ratti.  In questo esperimento, il DHEA ha dimostrato di inibire lo sviluppo sperimentale di tumori del fegato, del seno, polmone, colon, pelle tessuto linfatico e in altri tessuti corporei. Tra le ratte gravide impiantate con un agente cancerogeno, il 96 per cento dei controlli ha sviluppato tumori al seno.  I topi che sono stati trattati con cancerogeno con aggiunta di DHEA hanno avuto solo un 35 per cento di incidenza dei tumori mammari. Dr. Inano, un ricercatore giapponese, ha concluso: “Questi risultati suggeriscono che il DHEA ha una potente attività di prevenzione contro la promozione / fase di progressione della radiazione indotta tumorigenesi mammaria”.

Altri studi mostrano che il DHEA inibisce la timidina nelle cellule neoplastiche, un fattore di moltiplicazione cellulare, e disturba gli effetti ossidanti dei cancerogeni chimici.  Gli scienziati sostengono che il DHEA modula gli effetti di sostanze chimiche cancerogene sulle cellule.

Il DHEA sembra anche di aumentare le funzioni immunitarie . L’evidenza suggerisce che la supplementazione di DHEA può invertire molti dei problemi che sorgono funzione immunitaria con l’avanzare dell’età. Dr. Khorram ha trovato che il DHEA ha stimolato la produzione di cellule immunitarie che combattono contro i virus e batteri (chiamate cellule natural killer) le cellule cancerose.

Sistema immunitario: DHEA agisce direttamente sui linfociti e stimola l’interleuchina 2, un’importante proteina di comunicazione per la regolazione del sistema immunitario. DHEA rafforza il sistema immunitario e incrementa la resistenza del corpo alle infezioni.

Livelli estremamente bassi di DHEA sono stati riscontrati in pazienti con arteriosclerosi, ipertensione, scarsa memoria e capacità di concentrazione, sovrappeso e disturbi del metabolismo lipidico, sindrome da affaticamento cronico, elevati livelli di colesterolo, morbo di Alzheimer e sclerosi multipla. Anche in presenza di Lupus eritematoso (una malattia autoimmune), osteoporosi, depressione e asma sono stati riscontrati bassi livelli di DHEA.

In tutte queste malattie, una terapia sostitutiva con l’ormone di DHEA può ridurre i sintomi e migliorare la qualità della vita.

Tumori: DHEA non può curare i tumori e non deve essere utilizzato in sostituzione di una terapia consolidata contro i tumori, poiché gli studi relativi ai suoi effetti non sono ancora stati completati. Tuttavia, molti studi hanno dimostrato che la comparsa del tumore sembra essere direttamente associata ai bassi livelli di DHEA. Negli esperimenti di laboratorio è stato possibile inibire lo sviluppo di molte forme di tumori. Fino ad ora non sono stati registrati effetti collaterali negativi in seguito alla somministrazione per via orale di una terapia sostitutiva con l’ormone di DHEA. In casi isolati è stata riscontrata una lieve forma di acne, che è scomparsa immediatamente con l’interruzione della cura. Molto raramente è stato rilevato nelle donne anziane un leggera ipertricosi sul viso. A questo proposito va considerato il fatto che spesso le donne anziane soffrono di un’eccessiva crescita dei peli sul viso, indipendentemente dalla somministrazione di DHEA.

DHEA è una sostanza potente e non deve essere somministrata senza aver consultato un medico. Ciò vale in modo particolare se si è in cura presso un medico e se si assumono regolarmente farmaci o altri preparati ormonali.

In presenza di malattie neoplastiche ormonali (tumore al seno, alle ovaie e all’utero nella donna, tumore alla prostata nell’uomo), evitare la somministrazione di DHEA. Può essere somministrato a titolo preventivo, non in presenza di malattia metastatica. Inoltre, la terapia sostitutiva con l’ormone di DHEA deve essere assolutamente evitata in gravidanza e durante l’allattamento.

Poiché le capsule di DHEA somministrate sono elaborate dal fegato e quindi rilasciate nel sangue, i pazienti con problemi di fegato, devono consultare sempre il proprio medico curante prima di iniziare la cura. Ciò è valido anche per uomini in cura per disturbi alla prostata correlati al testosterone.

Gli effetti collaterali dovuti alla integrazione con DHEA sono: senso di affaticamento, congestione nasale, mal di testa, tachicardia, aritmia.

Il DHEA è un ormone precursore degli ormoni maschili e femminili e, quindi, potrebbero esserci effetti collaterali relativi alla produzione di androgeni ed estrogeni, più o meno intensi, a seconda delle caratteristiche della persona.

Nelle donne: mascolinizzazione, acne, pelle grassa, peluria facciale, perdita di capelli, aumento della sudorazione, aumento ponderale, voce profonda, mestruazioni irregolari, cambiamenti di umore.

Negli uomini: ginecomastia, aumento della pressione, atrofizzazione dei testicoli e aumento dell’aggressività.

In entrambi i sessi si può verificare aumento della glicemia, resistenza all’insulina, alterazione dei livelli di colesterolo, dei livelli degli ormoni tiroidei e delle funzioni adrenergiche.

 

 

 

X